Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.

Casa-museo di Vincenzo Vela (1820-1891)

Gipsoteca monumentale

Collezioni dell’Ottocento

Mostre temporanee

Parco panoramico

Il Museo

Villa Vela, sede del Museo oggi gestito dall’Ufficio federale della cultura, venne donata nel 1892 alla Confederazione Svizzera, insieme alle collezioni in essa conservate, dal pittore Spartaco Vela (1854-1895), figlio del più noto Vincenzo, uno dei massimi scultori realisti dell’Ottocento.

La villa – già aperta al pubblico come museo privato dallo stesso scultore – venne designata ufficialmente “Museo Vela” nel 1898, divenendo il primo museo in Ticino.

Immersa in un ampio parco, agibile al pubblico, la dimora è considerata una delle più importanti case d’artista dell’Ottocento europeo, e la più significativa su suolo elvetico.

Gli ambienti sono stati interamente ristrutturati (1997-2001) dall’architetto Mario Botta e più recentemente si è proceduto a un riallestimento delle collezioni permanenti (2015).

Le collezioni

Accanto alla gipsoteca di Vincenzo, eccezionale per qualità e per monumentalità, che raccoglie i modelli originali in gesso di quasi tutte le opere dello scultore, il Museo custodisce altri importanti nuclei: numerosi bozzetti in terracotta e gesso, la pinacoteca e la biblioteca di famiglia, una ricca collezione di disegni e opere grafiche, e una sorprendente raccolta di fotografie d’epoca, nonché i lasciti del figlio pittore Spartaco – composto principalmente dei suoi quadri – e del fratello maggiore Lorenzo Vela (1812-1897), notevole scultore-animalista. Di quest’ultimo sono conservati modelli in gesso e sculture in marmo e terracotta, nonché la ricca e qualitativamente notevole raccolta personale di dipinti ottocenteschi di area lombarda e piemontese.

Leggi tutto: Il Museo Vela di Ligornetto

 

Questo sito è nato con la funzione di divulgare e valorizzare la cultura, le idee e le persone in un territorio di confine tra Province vicine (Como e Varese) ma spesso così distanti per comunicazione. 

Far circolare la bellezza vuol dire essere consapevoli dell’enorme ricchezza del nostro Paese.

Sono graditi suggerimenti e contributi: non esitare a contattarci!

Per gli eventi consultare la pagina facebook: binago org

 

Direttore responsabile: Marina Adotti, insegnante di lettere presso l'Istituto Superiore Terragni di Olgiate Comasco, ex bibliotecaria a Varese-Sezione ragazzi e a Venegono Superiore

Progettazione culturale:

Marina Adotti

Federica Croci, arteterapista, esperta in linguaggi espressivi e laboratori d'arte

Web master: Domenico Dengo

 

Contributi:

David Antognazza

Daniela Sironi

Federica Croci

Marina Adotti

Manrico Zoli

Matteo Bollini

Nuccio Rotolo

Paolo D’Altan

Paolo De Regibus

Sabrina Luoni

Safa Kasaei

Stefano Frascoli

Tonino Urgesi

 

Si ringraziano per la collaborazione:

Alessandro Leone

Franco Bassi, fondatore del circolo Fuori Orario di Taneto di Gattatico

Ivo Mancini

Luca Guzzardi

L’attore e musicista Luca Maciacchini

L’attrice Marina De Juli

L’illustratrice inglese Jasmine Mercer

La scrittrice Miriam Ballerini

La Fondazione "Ugo da Como" di Lonato del Garda

La scrittrice Patrizia Emilitri

La Pro Loco di Binago

Il gruppo musicale dei Sulutumana (in particolare Nadir Giori)

Go to top