Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.

Stampa
Visite: 447

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’

Classi I:

Questionario individuale: il rapporto con la legalità

Il rispetto delle regole: stesura di un codice di regole di classe.

Funzione delle regole .

Lettura testo: Pernaud, “La guerra dei bottoni”

Classi II:

Il ruolo del gruppo: come rafforzare il rispetto delle regole.

Lettura e riflessioni sul testo: D’Adamo, F. “Radioniente”

 

Classe III:

L’antimafia.

Role playing: la vittima e il persecutore. L’inversione dei ruoli.

Scopo: comprendere quali sono le logiche e le dinamiche dei contesti dove agiscono le mafie.

Lettura e riflessioni sulla relazione  tra vittima e carnefice:

Durrenmatt , F., “Il giudice e il suo boia”          

Lavoro sul giornale. Creazione di un dossier sulla legalità.

Classe IV:

Eroi contemporanei e figure della legalità.

Lettura e riflessione: Roberto Saviano, “La bellezza e l’inferno”

Garlando, L.  "Mi chiamo Giovanni" 

Nicaso, A. "La mafia spiegata ai ragazzi"

Classe V:

Il ruolo della memoria

Dal brigantaggio alla mafia.

Il codice nei clan: Visione del film “Educazione siberiana”

 

Per tutti:

La cultura come antidoto alle mafie.

Visione del film documentario “Fuoriscena” girato tra gli allievi dell’Accademia della Scala

M.A.

Si consiglia la visione dello spettacolo "U'Parrinu. La mia storia con Padre Puglisi ucciso dalla mafia" di Christian Di Domenico

Interessante per le scuole anche la partecipazione alla giornata di Libera, in ricordo delle vittime della mafia, che si svolge il 21 marzo di ogni anno.