Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.

Stampa
Visite: 332

L’angelo custode della mia autostima

 

Toccare il fondo è stato facile.

Te ne accorgi quando è tempo di bilanci.

Lavoro nuovo, relazioni difficili, un ambiente che ti appare ostile.

Cosa manca?

La relazione e l’ascolto sono da sempre il tuo punto forte.

Ti senti ai margini quando cerchi di cogliere l’essenza del problema.

 

La prepotenza e la saccenteria sono ormai di pubblico dominio.

Tante parole travolgenti e i fatti a contraddire e pesare come macigni.

L’immaginazione, compagna di sempre, ti offre un’utile sponda per sopravvivere.

Una realtà che supera la peggiore delle fantasie.

Tonfo irrefrenabile dell’autostima.

Un’altra occasione, un’altra possibilità.

La tua cara estinta ti ha messo una mano sulla spalla, a significare la sua presenza e la sua guida.

Un po’ oscurata ma pronta ad emergere con coraggio.

Lei ti dà la forza di crederci e di provarci.

Chi non ha autostima non riuscirà mai nella vita, questa frase in sottofondo ti rimane scolpita nella mente.

Dopo una ricerca impervia di esito incerto, anche il cuore si rinfranca.

Finalmente in armonia.

(M.A.)