Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.

Stampa
Visite: 851

Adotti, Marina  Valorizzazione di una collezione speciale: il Fondo Sclavi presso la biblioteca comunale di Venegono Superiore, Università degli studi di Pavia, a.s.2005-2006     Relatore: Paul G.Weston


INDICE

Premessa  I

Il Fondo Sclavi: fasi e problematiche dell’acquisizione   1

1.1 La fisionomia della biblioteca di Venegono Superiore 1

1.2 Chi è Tiziano Sclavi: un profilo biografico  3

1.3  Nasce il fondo Tiziano Sclavi8

1.4  La catalogazione del Fondo Sclavi13

1.5 L’inaugurazione e l’apertura al pubblico  16

Il Fondo Sclavi: prospettive di accrescimento e valorizzazione   18

2.1  Il cinema arriva in biblioteca  20

2.2 L'OPAC del settore cinema  27

2.3 La sezione fumetto nella biblioteca di pubblica lettura  30

I giovani adulti tra percezione della biblioteca e nuovi servizi35

3.1  I servizi della biblioteca  41

3.2 Adolescenti e abitudini di lettura  44

3.3  I consumi culturali degli adolescenti51

3.4 Adolescenti e nuove tecnologie  56

3.5 Biblioteca di Venegono ed espansione dei servizi58

Il fumetto Dylan Dog: proposte di valorizzazione in ambito europeo   61

4.1   Il fumetto europeo tra passato e presente  61

4.2   I precedenti italiani di Dylan Dog  64

4.3  Il “caso” Dylan Dog  65

4.4  Le ragioni di un successo  67

4.5 Edizioni in lingua straniera di Dylan Dog.70

4.6  Il fondo Sclavi e la ricerca dei partner: soggetti interessati e potenzialmente raggiungibili71

4.7  I centri del fumetto italiani ed europei77

BIBLIOGRAFIA   84

Allegati88



Premessa

 

 

 

 

 

La biblioteca di Venegono Superiore ha accolto nel 2002 la donazione del concittadino e scrittore Tiziano Sclavi e ne ha programmato negli ultimi anni la sistemazione, la fruizione pubblica, la circolazione nell’ambito provinciale. Il fondo Sclavi presenta un accentuato carattere specialistico, nei settori caratterizzanti del cinema e del fumetto. Il donatore è infatti sceneggiatore del fortunato fumetto Dylan Dog, prodotto innovativo della cultura degli anni Ottanta. Questo lavoro di tesi intende tracciare i possibili scenari di uno sviluppo futuro del fondo, raccogliendo e documentando il lavoro impostato dalla direzione della biblioteca e vagliato dall’Amministrazione comunale. Troviamo quindi traccia dei progetti relativi alla catalogazione e alla promozione di base (l’Opac del settore cinema e la bibliografia su Dylan Dog); viene inoltre documentata la rete di collaborazione con i partner locali (biblioteche del Sistema bibliotecario, cineclub, biblioteche specialistiche sul fumetto). L’importanza del fondo, di valenza regionale, ha portato inoltre a delineare anche una proposta di ampio respiro, volta ad inserire il fumetto Dylan Dog in un progetto di valorizzazione del fumetto europeo (cfr.capitolo IV).

Il carattere specialistico del fondo Sclavi ha però un risvolto che può essere legato alla “mission” della biblioteca e all’attenzione verso la pubblica lettura. Il fondo può essere incrementato accogliendo le richieste e le abitudini di un pubblico giovane, una fascia d’età in cui si avverte generalmente una flessione rispetto alla pratica della lettura. Le biblioteche , veri e propri “presidi” del libro, si interrogano sulla necessità di programmare nuove strategie di promozione. La programmazione deve prendere il via da forme di consultazione diretta come questionari e “focus group”. Il capitolo III riporta i risultati del questionario sottoposto ai giovani adulti (15-19) rispetto alla percezione della biblioteca di Venegono, ai desiderata e alle aspettative future. Tali richieste potrebbero essere accolte all’interno di un progetto “giovani” che coinvolga i lettori della biblioteca, ma anche i frequentatori del centro di aggregazione giovanile e i ragazzi coinvolti nelle attività della parrocchia. Una sinergia è sicuramente auspicabile, all’interno della condivisione di obiettivi comuni.

La premessa è sicuramente la salvaguardia della funzione della biblioteca, che non smette però di avere un ruolo all’interno della comunità di grande rilievo sociale, soprattutto nei confronti di ragazzi ed adolescenti.

Si ringraziano la prof..ssa Gianna Del Bono per la supervisione della bibliografia su Dylan Dog, la prof.ssa Luisa Finocchi per l’impostazione del progetto di promozione del Fondo Sclavi, la prof.ssa Ilaria Poggiolini per i suggerimenti forniti nella stesura del cap.IV.

Si ringrazia inoltre il presidente della Fondazione Franco Fossati Luigi Bona, per gli spunti relativi alla ricostruzione della storia del fumetto europeo.

 

 

 

 libro fondo sclavi

Per la pubblicazione cfr.   Adotti, Marina    Il Fondo Sclavi tra cinema e fumetto, Lampi di stampa, 2017