Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo.

Stampa
Visite: 901

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

E' stato pubblicato il libro scritto dal regista Alessandro Leone:

Corpo da ring - la boxe immaginata dal cinema

Edito da Falsopiano, è disponibile un'anteprima (introduzione e capitolo 1)

sulla homepage della casa editrice, dove è possibile trovare altri dettagli:

http://www.falsopiano.com/

 

Il pugilato ha sedotto alcuni tra gli artefici della storia del cinema tra cui Chaplin, Keaton, Hitchcock, Vidor, Walsh, Tati, Wise, Robson, Ford, Houston, Scorsese, Avildsen, Hill, Mann, Eastwood. 

Quella tra cinema e pugilato è una relazione, a volte conflittuale, che inizia nel 1894, quando Edison filma l’incontro tra i pugili Michael Leonard e Jack Cushing. In seguito il cinema di boxe si configura come un vero e proprio sottogenere, "trasversale" al cinema comico e alla commedia, al musical e al melò, al noir e al gangster-movie. 

Esaminando parte di un’enorme filmografia che nasce con il cinematografo, il volume si propone di identificare alcune costanti narrative che, in quasi 120 anni, corrono trasversalmente nel racconto del pugilato su grande schermo, le simbologie, gli elementi lontani e vicini alla realtà del ring, il contesto storico e culturale in cui sono nati i capolavori del cinema di boxe, in ultima analisi, di delineare l’evoluzione del doppio spettacolo del pugilato-nel-cinema e degli estremi che lo contengono: il pugile e lo spettatore.